Wireplace camino al bio etanolo

Designer:
Giulio Iacchetti

Struttura in tondino metallico. Base a scelta in cemento o marmo bianco Carrara.
Dim. cm. L 81,5 x P 40,5 x H.115.

Leggi descrizione completa > Tempi di produzione 2/3 settimane
Annulla selezione
15 giorni per usufruire della garanzia soddisfatti o rimborsati
Serve aiuto? Chiamaci!
+ 39 055 0776907

Elemento di design dalla forma che si ispira ad un camino tradizionale degli anni 30′, contemporaneo, intramontabile ed elegante, Wireplace è decisamente originale. Il design è di Giulio Iacchetti.
La struttura essenziale realizzata in tondino metallico bianco, nero o rosso esalta il fuoco e ne permette una visione a 360 gradi.
La base è disponibile in cemento grezzo o in lussuoso marmo bianco di Carrara.
Il camino al bio etanolo è completo di doppio vetro di protezione. Bifacciale e versatile può essere collocato in centro stanza o a parete.
Le sue dimensioni sono le seguenti: L.81,5xh.115xP.40,5 cm.
Il bruciatore è brevettato ed ottimizza la combustione ed il controllo della fiamma nel massimo rispetto di tutte le normative. Questo consente di offrire una maggiore resa termica, la certezza di un prodotto sicuro e di garantire una fiamma costante non suscettibile agli spostamenti d’aria.
Il bruciatore è il cuore del biocaminetto e le sue caratteristiche lo differenziano da tutti gli altri prodotti presenti sul mercato. E’ realizzato in acciaio inox 304 con saldature stagne certificate ed è tecnologicamente studiato per contenere la fuoriuscita di gas e fiamme incontrollate che possono essere causate dal passaggio accidentale di aria. La capacità del bruciatore è di 2.6 litri per un autonomia di fiamma che varia da 5 a 8 ore a secondo dell’ intensità desiderata (regolabile) della fiamma.
Originale, funzionale e sicuro, il camino Wireplace sarà perfetto per gli ambienti domestici o contract.

Codice

Wireplace

Larghezza (cm)

81.5

Altezza (cm)

115

Profondità (cm)

40.5

Capacità serbatoio (l)

2.6 litri

Calore prodotto (kw/h)

3.5

Recensioni


Scrivi la prima recensione per “Wireplace camino al bio etanolo”

Giulio Iacchetti

Giulio Iacchetti, industrial designer dal 1992, progetta per diversi marchi, tra cui Abet Laminati, Alessi, Danese, Elica, Foscarini, Globo Ceramiche, Jannelli&Volpi, Hastens, Magis, Meritalia, Moleskine, Pandora design. Tra i suoi caratteri distintivi c’è la ricerca e la definizione di nuove tipologie oggettuali come il Moscardino, posata multiuso biodegradabile, disegnata con Matteo Ragni per Pandora design e premiata nel 2001 con il Compasso d’Oro. Nel 2009 è stato insignito del Premio dei Premi per l’innovazione conferitogli dal Presidente della Repubblica Italiana per il progetto Eureka Coop, con cui ha portato il design nella grande distribuzione organizzata. Nel maggio 2009 la Triennale di Milano ha ospitato una sua mostra personale intitolata “Giulio Iacchetti. Oggetti disobbedienti”. Da sempre attento all’evoluzione del rapporto tra realtà artigiana e design, nel novembre 2012 lancia Internoitaliano, la “fabbrica diffusa” fatta di tanti laboratori artigiani con i quali firma e produce arredi e complementi ispirati al fare e al modo di abitare italiani. Parallelamente ha portato avanti la sua personale ricerca verso nuovi temi di progetto come quello della croce da cui è nata la mostra Cruciale, tenutasi al Museo Diocesano di Milano, nella Basilica di Santo Stefano Rotondo a Roma e al Castello di Lombardia a Enna. Nel 2014 vince il suo secondo Compasso d’Oro per la serie di tombini Sfera, disegnata con Matteo Ragni per Montini.