Sipario camino al bioetanolo

Designer:
Matteo Ragni

Struttura in acciaio inox lucido.
Dim. cm. L 94 x P 30 cx H 85.

Leggi descrizione completa > Tempi di produzione 2/3 settimane
Annulla selezione
15 giorni per usufruire della garanzia soddisfatti o rimborsati
Serve aiuto? Chiamaci!
+ 39 055 0776907

Una forma geometrica fortemente architettonica traccia le superfici in acciaio di Sipario creando effetti e riflessi luminosi che esaltano l’elemento fuoco.

Questa forma unica è stata in parte ispirata dalla cattedrale “Notre Dame du Haut”, considerata come uno dei più celebri esempi di architettura religiosa moderna e realizzata dal grande maestro del design Le Corbusier.

Un oggetto fuori del comune perfetto a centro stanza, ma adatto anche ad essere spostato all’esterno.

Oltre ad un design unico, concepito da Matteo Ragni, il camino al bioetanolo vanta una lavorazione e delle rifiniture estremamente curate, cosa da tenere presente nel confronto con tanti altri modelli meno affidabili disponibili sul mercato.
Il bruciatore è realizzato in acciaio inox 304 con saldature stagne certificate ed è tecnologicamente studiato per contenere la fuoriuscita di gas e fiamme incontrollate che possono essere causate dal passaggio accidentale di aria. Garantisce la massima sicurezza ed ottimizza combustione e controllo della fiamma. Questo ci consente di offrire una maggiore resa termica, la certezza di un prodotto sicuro, anche se usato in assenza di vetro di protezione, e di garantire una fiamma costante non suscettibile agli spostamenti d’aria.
La capacità del serbatoio è di 2,6 litri. L’autonomia del bruciatore va dalle 5 alle 8 ore in funzione della intensità regolabile della fiamma.

Ogni elemento è stato selezionato per l’alta resistenza alla fiamma ed al degrado del calore e del tempo, per conservare inalterata la bellezza del vostro camino. Su richiesta altre finiture sono disponibili per la strutture che può essere laccata lucido o opaco in bianco o in nero, in acciao satinato o colore wengé o noce. Per una personalizzazione non esitate a contattarci a info@italydreamdesign.com o al n. 0550776907.

Ritornate al piacere del fuoco a casa vostra senza tutti gli inconvenienti di un camino tradizionale.

Dimenticate i lavori di muratura, i condotti di aerazione ed evacuazione, odori, fumo, cenere e fuliggine. Scegliete un camino ecologico e design, un camino sicuro ed al 100% made in Italy e lasciate entrare il calore di una vera fiamma nei vostri ambienti.

Codice

Sipario

Larghezza (cm)

94

Altezza (cm)

85

Profondità (cm)

30

Capacità serbatoio (l)

2.6

Calore prodotto (kw/h)

3.5

Recensioni


Scrivi la prima recensione per “Sipario camino al bioetanolo”

Matteo Ragni

Matteo Ragni si è laureato in Architettura al Politecnico di Milano. Nel 2001 ha vinto con Giulio Iacchetti il Compasso d’Oro ADI per la forchetta/cucchiaio biodegradabile “Moscardino”, ora nella Collezione Permanente del Design presso il MOMA di New York. Nel 2008 ha vinto il Wallpaper Design Award ’08 per la lampada da tavolo/ferma libri Leti prodotta da Danese. Sempre nel 2008 ha fondato TobeUs, marchio di macchinine in legno prodotte artigianalmente in Italia un marchio che vuole essere un manifesto per un consumo consapevole e che spesso si occupa di workshop e mostre itineranti. Per la casa editrice Corraini ha pubblicato “Camparisoda: l’aperitivo veloce futurista, da Fortunato Depero a Matteo Ragni” per celebrare i 100 anni del Futurismo e, nel 2012, il libro “Wallpaper Celebration” con Jannelli&Volpi. Sempre nel 2012 ha vinto il Premio Nazionale per l’Innovazione “Premio dei Premi” per il progetto W-eye. A fine 2013 si è tenuta all’ Istituto Italiano di Cultura di Toronto una mostra celebrativa sulla sua attività dal titolo “Matteo Ragni: Almost 20 Years of Design”. Nel 2014 vince con Giulio Iacchetti il secondo Compasso d’Oro ADI per la serie di tombini Montini. Nel 2015 viene invitato in qualità di rappresentante del design italiano all’edizione della Tianjin International Design Week con una personale “Matteo Ragni: Design for Better Days”, una mostra raccontata fotograficamente da Max Rommel. All’attività di designer affianca quella di docente in diverse università internazionali, di art director e architetto.