Notizie dalla Fiera del Mobile di Milano

Il Salone del Mobile di Milano ha chiuso ieri 19 aprile 2010.

Un’edizione all’insegna dell’ottimismo e ricca di prodotti e novità che non fanno sentire la crisi economica o almeno fanno ben sperare nel fatto che almeno forse ne siamo uscendo.

Milano ha accolto la Fiera e gli eventi fuori fiera in modo caloroso: ai milanesi è piaciuto il modo in cui la città gioiosamente ha vissuto un clima festoso che inneggiava alla bellezza e al saper vivere, non solo per gli operatori del settore che hanno visitato i padiglioni fieristici, ma anche nelle vie del centro.

Il traffico impazzito e la folla tra gli stand sono un ottimo segno, leggeremo nei prossimi giorni quale sia stata l’affluenza ufficiale.

ingresso

Intanto noi ovviamente c’eravamo ed abbiamo potuto vedere e toccare con mano non solo le nuove realizzazioni che il meglio della produzione italiana, europea e mondiale ha saputo proporre, ma anche la realtà in cui i produttori si stanno barcamenando.

Il quadro è comunque incoraggiante. Quello che è emerso senza ombra di dubbio è la voglia di offrire oggetti sempre assolutamente belli e rigorosamente realizzati secondo le migliori tradizioni artigianali, ma con una grande attenzione verso la praticità, la durabilità e l’economicità dei prodotti.

Si sperimenta, si inventa come sempre, ma c’è in più molta prudenza: la Fiera stessa è un banco di prova importante per comprendere dove concentrare i propri sforzi, abbandonando le linee e le idee che dimostrano di avere meno successo.

Come è ovvio, noi ci concentriamo anche sul rapporto tra arredamento, design e web. Abbiamo notato in questa fiera, più che in ogni altra precedente manifestazione, la crescente attenzione verso le nuove tecnologie ed i nuovi modi di fare pubbliche relazioni.

Gli operatori finalmente si stanno documentando, stanno valutando se e come affrontare l’innovazione che inevitabilmente internet sta introducendo ovunque.

Salvo situazioni in cui i produttori siano rigidamente legati ad una rete di distribuzione e di rappresentanza ferma sui classici schemi di esclusive territoriali, in molti hanno mostrato grande interesse per le nuove metodologie commerciali e di marketing che il web può offrire.

Nei successivi articoli vi mostreremo più nel dettaglio immagini, prodotti ed anteprime che saranno presto sul mercato e che sapranno conquistare chiunque ami la bellezza unita alla praticità, così come già hanno conquistato noi di Italy Dream Design.

Lascia una risposta